Tostapane, frullatori, hardware di pc, cellulari, tablet e tv…

Tostapane, frullatori, hardware di pc, cellulari, tablet e tv. Una volta finiti nel cassonetto diventano Raee, ovvero “rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche”. Che sono altamente inquinanti e devono ripettare corrette procedure di smaltimento.

Invece, secondo lo studio condotto da ReMedia – e presentato ieri a Roma nel corso del convegno “Raee: minaccia ecologica o miniera urbana?”, organizzato dalla fondazione Symbola alla Camera dei Deputati – i Raee generati in Italia nel 2011 ammontano a circa 880mila tonnellate, pari a 14,6 kg/abitante, ma i “sistemi ufficiali”, ovvero gli Il Sole 24 Ore – leggi su https://www.ilsole24ore.com/art/tecnologie/2012-10-02/consuntivo-raee-204553.shtml?uuid=Ab4wDPnG