Codici EER (CER) – 05 00 00

Torna all’elenco Codici EER (CER)

CodiceDescrizione codice EER (secondo D.L 77/2021)TipoTrattato
05 00 00 RIFIUTI DELLA RAFFINAZIONE DEL PETROLIO, PURIFICAZIONE DEL GAS NATURALE E TRATTAMENTO PIROLITICO DEL CARBONE.
05 01 00RIFIUTI DELLA RAFFINAZIONE DEL PETROLIO.
05 01 02*Fanghi da processi di dissalazioneP
05 01 03*Morchie da fondi in serbatoiP
05 01 04*Fanghi acidi prodotti da processi di alchilazioneP
05 01 05*Perdite di olioP
05 01 06*Fanghi oleosi prodotti dalla manutenzione di impianti e apparecchiatureP
05 01 07*Catrami acidiP
05 01 08*Altri catramiP
05 01 09*Fanghi prodotti dal trattamento in loco degli effluenti, contenenti sostanze pericoloseSP
05 01 10Fanghi prodotti dal trattamento in loco degli effluenti diversi da quelli di cui alla voce 05 01 09SNP
05 01 11*Rifiuti prodotti dalla purificazione di carburanti mediante basiP
05 01 12*Acidi contenenti oliP
05 01 13Fanghi residui dell'acqua di alimentazione delle caldaieNP
05 01 14Rifiuti prodotti dalle torri di raffreddamentoNP
05 01 15*Filtri di argilla esauritiP
05 01 16Rifiuti contenenti zolfo prodotti dalla desolforizzazione del petrolioNP
05 01 17BitumeNP
05 01 99Rifiuti non specificati altrimentiNP
05 06 00RIFIUTI PRODOTTI DAL TRATTAMENTO PIROLITICO DEL CARBONE.
05 06 01*Catrami acidiP
05 06 03*Altri catramiP
05 06 04Rifiuti prodotti dalle torri di raffreddamentoNP
05 06 99Rifiuti non specificati altrimentiNP
05 07 00RIFIUTI PRODOTTI DALLA PURIFICAZIONE E DAL TRASPORTO DI GAS NATURALE.
05 07 01*Rifiuti contenenti mercurioP
05 07 02Rifiuti contenenti zolfoNP
05 07 99Rifiuti non specificati altrimentiNP

Torna all’elenco Codici EER (CER)

LEGENDA

La tabella contiene l’intero elenco dei codici EER (Elenco Europeo de Rifiuti).
Nella terza colonna denominata “tipo”, è riportata la sigla che indica la caratteristica del codice EER.

Le sigle presenti nelle caselle colorate indicano il tipo di pericolosità del rifiuto:
1) Rifiuti pericolosi (P) in cui vi è alta concentrazione di sostanze inquinanti presenti al loro interno, ed è necessario conferirli a impianti specializzati;
2) Rifiuti non pericolosi (NP);
3) “Voci specchio” (S) in cui lo stesso rifiuto può risultare non pericoloso o contenente sostanze pericolose, quindi a loro volta ripartite in voci specchio non pericolose (SNP) e pericolose (SP).

Quindi le varie sigle rappresentano:

P: Voce pericolosa senza voce specchio

SP: Voce specchio pericolosa

SNP: Voce specchio non pericolosa

NP: Voce non pericolosa senza voce specchio