Consumabili da stampa, in gergo “cartucce”

Consumabili da stampa, in gergo "cartucce" 1

 

La “cartuccia” è un dispositivo rimovibile contenente inchiostro (o altra sostanza affine), necessario per il processo di stampa in una stampante. Si tratta di un dispositivo che grazie alla tecnologia della stampante, permette di fissare su un supporto tangibile il contenuto scritto o visivo prodotto digitalmente. Esistono diversi tipi di cartucce, in base al tipo di tecnologia della stampante: si possono trovare cartucce ad inchiostro liquido che si usa nelle stampanti a getto d’inchiostro, mentre la polvere di toner viene utilizzata nelle stampanti laser. Queste due tipologie di prodotti (cartucce toner o cartucce a getto d’inchiostro) sono collegati a due modalità di stampa e conseguentemente a due tipologie di stampanti molto diverse l’una dall’altra ed incompatibili tra loro.

I tipi di consumabili più comuni sono due:

  • Cartuccia a getto d’inchiostro: Nelle stampanti a inchiostro, la cartuccia inkjet è l’unità sostituibile che contiene l’inchiostro usato per trasferire le immagini ed il testo sulla carta. La cartuccia a getto d’inchiostro può essere costituita da un semplice serbatoio, normalmente di materiale plastico, munita di chip per il riconoscimento digitale o incorporare in un unico blocco il serbatoio e la testina di stampa, cioè il vero e proprio dispositivo che realizza l’espulsione delle minuscole gocce di inchiostro presenti all’interno della cartuccia. Nel primo caso, la testina si trova all’interno della stampante e non viene mai rimossa se non per eventuale riparazione; il chip trasmette le informazioni alla stampante relative ai livelli di inchiostro e alle quantità di inchiostro da utilizzare nella stampa in corso. Questa soluzione comporta il rischio che, esaurendosi l’inchiostro, si svuotino i minuscoli canalini di passaggio dell’inchiostro nella testina, causando la rottura della testina stessa.
  • Cartuccia toner: Con toner si intende un pigmento costituito da una polvere finissima contenente particelle di carbone, ossidi di ferro e resina, usato nelle stampanti laser, nelle fotocopiatrici e nei fax. Viene depositato da un tamburo sul foglio da stampare sfruttando una carica elettrostatica di segno opposto tra foglio e pigmento; successivamente, passando attraverso un rullo fusore, viene fissato e si imprime sulla carta il testo e le immagini.

Gli elementi che compongono la cartuccia toner sono:

  • il Rullo Magnetico che ha la funzione di richiamare polvere Toner dal serbatoio della Cartuccia
  • il PCR che è l’elemento che ha 2 funzioni: la prima è di caricare negativamente il Drum; la seconda,” di dosare per mezzo di una Lama Dosatrice “Wiper Blade” ed infine di pulire il rullo dalla polvere in eccesso (che viene raccolta in un secondo serbatoio).
  • Nella parte finale della stampa subentrano altri 2 componenti che in questo caso non fanno parte della cartuccia ma bensì della stampante laser: il rullo fusore ed il rullo pressore, questi 2 componenti fissano la polvere Toner sul foglio di carta nella fase finale di uscita del foglio.

Per quanto riguarda il mercato dei consumabili da stampa, è possibile acquistare diverse tipologie di prodotti sia in negozi specializzati che online. Quello che cambia è la qualità dei materiali, l’impatto ambientale, il prezzo e la quantità di stampa. Esistono sul mercato: cartucce originali, provenienti dalle aziende produttrici delle stampanti, cartucce rigenerate, ovvero originali che sono stati rimesse a nuovo da aziende specializzate (rigeneratori) e le cartucce “compatibili”.

  • Cartucce originali (OEM): Le cartucce originali sono prodotte dalla casa madre produttrice della stampante, garantiscono un’elevata qualità di stampa, dato che i materiali con cui sono realizzate risultano totalmente compatibili con la stampante nella quale verranno usate.
  • Cartucce rigenerate: Le cartucce rigenerate sono cartucce originali, già utilizzate una volta e recuperate, selezionate e divise per marca e modello, vengono ricaricate in modo da poter essere riutilizzate. Si tratta di prodotti ricondizionati da aziende specializzate e che garantiscono delle performance (qualità e durata) pari al nuovo. I vantaggi delle cartucce rigenerate sono principalmente il loro costo contenuto e il basso impatto ambientale. Il 65% delle cartucce originali (OEM) può essere rigenerato.
  • Cartucce compatibili: Le cartucce compatibili sono prodotti nuovi realizzati e messi in vendita da aziende diverse da quelle che hanno prodotto la stampante. Tali cartucce sono spesso prodotte con materiali di scarsa qualità e con inchiostri e polveri in alcuni casi tossiche quindi pericolose per la salute e l’ambiente, oltre che, ad alto impatto ambientale. Essendo un prodotto usa e getta non possono nemmeno subire nessun processo di rigenerazione.

Le cartucce, sia toner che a getto d’inchiostro, dal decreto legislativo 152 del 2006 sono classificati come rifiuti speciali non pericolosi (pericolosi nei casi in cui vi siano all’interno dei solventi) e devono essere smaltiti separatamente rivolgendosi ad aziende specializzate. Per quanto riguarda quindi lo smaltimento: i privati possono consegnare i consumabili esausti da stampa presso le isole ecologiche dei vari comuni, mentre per le aziende è previsto l’obbligo di tracciabilità, lo smaltimento deve quindi essere affidato a ditte autorizzate, iscritte all’albo gestori ambientali. Le imprese e gli enti che effettuano tale trasporto hanno l’obbligo di emettere il Formulario di identificazione del rifiuto (FIR) secondo l’articolo 193 D.LGS 152/2006.

Eco-Recuperi dal 1997 è leader nel settore dello smaltimento delle cartucce, svolge una serie di servizi rivolti alle imprese che comprendono la raccolta, la selezione e l’avvio alla rigenerazione. Un servizio attivo su tutto il territorio nazionale, spesso sviluppato in collaborazione con le Multiutility dei comuni.

La tabella mostra la resa di ogni tipo di cartuccia:

ORIGINALE RIGENERATO COMPATIBILE
QUALITA’ •        •        •         • •        •        •
N° COPIE •        •        •         • •        •        •
PREZZO •        • •        •        •         •
ECOLOGIA •        •        •         •

 

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO