Messaggero Veneto: Rifiuti speciali, raccolta differenziata a domicilio

Raccolta differenziata a domicilio: un servizio gratuito ad aziende, enti pubblici, professionisti e privati cittadini per lo smaltimento e il recupero di cartucce per tutti i tipi di stampanti elettroniche e fax, da quelle con getto d’inchiostro alle stampanti ad aghi. Il servizio è stato appena varato dalla Net spa – società del Comune che garantisce la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti – e dalla Eco-Recuperi, prima rete nazionale di raccolta di speciali, nata nel 1998 a Ravenna e attiva su 51 province d’Italia. Società che si avvarrà in città e in provincia dell’intervento dell’Udinese Recuperi. In città ogni anno sono consumati circa 20 mila pezzi (10 tonnellate di cartucce), contro i 125 mila pezzi della provincia (62 tonnellate) e i 300 mila della regione (150 tonnellate). Tutte queste cartucce, fino ad oggi, finivano in discarica, d’ora in poi saranno recuperate e quindi rivendute. I modi per recuperarle sono due: o ci si dota in azienda di un “ecobox”, uno scatolone verde che la stessa Eco-Recuperi consegnerà a domicilio a tutti coloro che ne faranno richiesta (il modulo sarà allegato alle prossime bollette dei rifiuti, che saranno consegnate la prossima settimana) oppure gettandoli negli ecobox sistemati alla stazione ecologica di Via Stiria, vicino al mercato ortofrutticolo. E’ anche possibile telefonare al numero verde 800 90 40 17. Attualmente nel nostro paese soltanto il 10% di questi prodotti è rigenerato contro il 32% della Germania o il 40% degli Stati Uniti. Il servizio in questione mira soprattutto a creare una nuova cultura – ha spiegato l’assessore comunale all’ambiente, Lorenzo Croattini. Il costo di queste cartucce in discarica è relativamente basso, ma con ecobox cerchiamo di aumentare la sensibilità di tutti nei confronti della raccolta differenziata. Sensibilità che, come confermano i dati generali, continua a crescere: nei primi mesi dell’anno infatti la raccolta differenziata di tutti i rifiuti in tutta Udine è stata superiore al 26% (l’anno scorso era stato del 20%) con una punta del 31% in ottobre. Il decreto Ronchi prevede si raggiunga il 35% entro il 2003, percentuale alla nostra portata grazie alla collaborazione dei cittadini e all’impegno di Net. E che la mentalità sta cambiando lo confermano anche i dati in possesso alla Eco-Recuperi: “dall’inizio dell’anno a oggi abbiamo raccolto 277 mila cartucce – ha spiegato Mirco Bagnari, responsabile della rete di raccolta, contro i 142 mila pezzi dell’anno scorso e i 68 mila del duemila.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *